fbpx

LE DAME E GLI EROI FLEA
OSSERVA, BEVI, AMA.

Per noi di Flea ogni giorno rappresenta uno stimolo per raggiungere un nuovo obiettivo che, anche se piccolo, possa concretizzare le nostre idee e rendere il nostro prodotto unico, vivo, vero!

Il nostro pensiero riguardo la produzione di birra artigianale non si sofferma semplicemente su un aspetto per noi comunque unico ed imprescindibile che è quello dell’utilizzo di materie prime di ottima qualità, ma è anche allargare il concetto cercando di “arrivare” a tutti puntando su 3 aspetti fondamentali:

Il palato, il senso principale con il quale ogni produttore di Food&Beverage deve fare i conti, affinché il frutto del suo operato sia gradito e rispetti le regole auree; una Birra Artigianale buona da bere, con una lavorazione delle materie prime fatta con rispetto e continua ricerca, fa la differenza. La mente, attraverso un viaggio nelle tradizioni e nella cultura del nostro territorio si cerca un legame psicologico ed affettivo con le persone, proiettando l’animo sincero e trasparente di chi ha creato il prodotto, nel prodotto stesso. Ed infine il cuore, attraverso la bellezza visiva e reale che questa terra umbra ci regala ad ogni alba. Insomma, ogni birra deve avere la sua storia fatta di sogni e di lettere, per lasciare un segno al palato, alla mente e al cuore che non sia effimero ma duraturo.

Come abbiamo anticipato nel nostro articolo dedicato all’immagine aziendale, ecco che prende vita (in tutti i sensi) un’altra idea: ad ogni tipologia di Birra Flea accostare un volto, un eroe, una persona fisica, che rappresentasse il tassello mancante tra la storia e l’attualità. Abbiamo parlato di Marimo, l’agenzia che per prima ebbe questa intuizione poi condivisa in toto da Matteo e Maria Cristina. Infatti le prime quattro birre sono il frutto di ricerca di personaggi bellissimi, storicamente adatti e perfettamente interpretati. Ne nacque un’immagine dal forte impatto emotivo, con costumi d’epoca in linea cromatica con le etichette e con un trucco leggero ma presente in modo da accorciare la linea temporale ed inserirsi meglio nel contesto attuale. Ai quattro modelli si aggiunse anche un’altra figura cruciale della nostra ‘vita da Flea’, un eroe moderno, quello che poi è diventato il nostro Brand Ambassador Marco Materazzi. Con Marco si definì il quadro dei primi eroi: quattro eroi medievali ed uno moderno, il legame perfetto per unire storia antica e storia dei nostri giorni. Dedicheremo un articolo sul nostro ‘socio’ testimonial, con aneddoti e curiosità che ci hanno fatto incontrare e, da quel momento, mai più lasciare.

I personaggi proposti e concretizzati da Marimo sono sì stupendi ma non li sentivamo “vicini” come avremmo voluto; una Birra che parla ininterrottamente di storia del nostro territorio aveva bisogno di eroi che riflettessero la luce delle nostre radici. Abbiamo così individuato alcune delle bellezze che vivono il nostro paese, immaginando ognuna di loro nei panni della birra che avremmo voluto impersonassero. La loro disponibilità è stata da subito immediata e questo ci ha permesso di aggiungere un altro tassello al fine di creare una Birra artigianale quasi del tutto “Made in Gualdo”. Maria, Pamela, Alessandra, Vanessa, Alessia questi i loro nomi; a loro va il nostro infinito grazie per aver impreziosito, con i loro magnifici tratti, la storia e le emozioni delle nostre birre! Una delle soddisfazioni che abbiamo avuto, infatti, è stata quella di percepire il loro entusiasmo nel far parte di questo progetto dove ognuna aveva il compito di vestire una dama, una figlia, una moglie, un’amante dell’Imperatore Federico II. Conosciamole meglio:

Pamela: la sua raffinatezza e il suo sguardo audace non potevano che rappresentare la nostra APA “Adelaide”, amante di Federico II, una birra chiara dalla bassa gradazione alcolica, ma al tempo stesso dotata di una buona tenacia nel gusto, dato dall’utilizzo di luppoli americani.

Maria: la sua bellezza rappresenta per noi una delle nostre birre più delicate e gentili come il suo sguardo, ma sicuramente determinata a farsi un bello spazio sul mercato, in lei la Gluten Free “Isabella”, la terza moglie dell’Imperatore di Svevia.

Alessandra: con il suo sguardo profondo, sbarazzino e sicuro è perfetta nelle vesti di “Violante”, figlia devota di Federico. Una birra belga Strong Ale con una notevole gradazione alcolica.

Vanessa: i tratti eleganti ed i suoi penetranti ma dolci occhi azzurri rappresentano al meglio il gusto delicato della nostra Weiss “Margherita”, figlia legittima dell’imperatore.

ed infine lo sguardo magnetico ed intenso di Alessia a rappresentare la nostra ultima nata “Anais” amante di Federico, Una Smoked beer il cui sapore affumicato e persistente rimane al palato molto piacevole.

Anche in questo cammino non ci siamo mai sentiti soli. Le figure professionali sulle quali abbiamo potuto contare ed il cui contributo è stato davvero prezioso, sono davvero tante: a cominciare da chi si è preso cura dei loro capelli attraverso la realizzazione di acconciature accurate ed affini all’epoca storica di riferimento, come i parrucchieri Marco e Laura Giombini, Roberta Anderlini ed Elisa Lucarelli ; Elisa, responsabile del Corteo Storico di San Donato, la ringraziamo anche per aver vestito alcune delle nostre dame con i vestiti più belli; un grazie di cuore a lei e a tutta la Porta. Passando poi al trucco del centro estetico Bouenérgie che è riuscito a valorizzare ancora di più, attraverso un make-up leggero ma elegante, la bellezza naturale che caratterizza ognuna delle ragazze. Lasciamo di seguito alcune immagini per curiosare nel backstage di quelle che sono state giornate sì impegnative ma soprattutto piacevoli, dove tutto ciò che è emerso è quanto grazie al lavoro di squadra, all’entusiasmo collettivo e con una preziosa collaborazione si ottengono sempre risultati vincenti; vi basterà guardare per cominciare ad assaporare ogni nostra Birra ancor prima di averla poggiata sulle labbra.

Così, per essere coerenti con quanto vi affermiamo, continuate a seguirci perché altri volti gualdesi arriveranno a splendere da eroi tra le nostre pagine! Stay tuned, con Birra Flea!

“Che cos’è la donna? Soltanto uno dei gradevoli abbagli della natura.”

(Hannah Cowley)

Leave a Reply